ROSSETTI!

cliomakeup-rossetti-finish-formule-texture-guida-termini-nude-rosa
Negli ultimi anni è diventato sempre più difficile scegliere il prodotto labbra da acquistare: ormai ogni brand ha nelle sue collezioni tantissimi prodotti diversi tra loro, che si distinguono per finish (ovvero il risultato che hanno sulle labbra) e texture (consistenza) e formato/packaging, caratteristiche che li rendono più o meno adatti alle esigenze di ognuna di noi e che hanno naturalmente anche performance diverse quando li applichiamo.
ROSSETTI STICK
Tutto ha avuto inizio con il classico stick: i rossetti che tutte noi conosciamo nascono nei primi anni del ‘900, precisamente nel 1915, quando l’americano Maurice Levy inventò il packaging di plastica e metallico, pratico e versatile, che tuttora rimane forse il preferito da noi donne perché è anche il più comodo da portare in borsetta!

Partiamo allora proprio da questo prodotto con questo formato specifico, e vediamo quanti tipi di rossetti in stick esistono!
– Cremoso  È quello più diffuso, usato e conosciuto. Se si pensa al rossetto non si può non pensare anche alla sua scorrevolezza sulle labbra e al colore pieno e semi-lucido.
– Satinato
In quanto a lucentezza, è un gradino sotto rispetto al cremoso. Il risultato sulle labbra è più delicato, con lievissimi riflessi di luce. Sono ideali se si fa un trucco molto luminoso sugli occhi o se non amate il finish cremoso ma neanche quello super matte. Si possono considerare a metà tra il cremoso e, appunto, l’opaco. Secondo me sono i più versatili, per tutte le età e per tutte le occasioni!
– Opaco/matte
Nostra croce e delizia, sono diventati super trendy ma come sapete non sono adatti a tutte e io stesso a volte faccio fatica a portarli. Non hanno riflessi, sulle labbra sembrano completamente asciutti, come se stendessimo la matita su tutte le labbra. Di solito tendono a seccare parecchio le labbra, anche se ultimamente ce ne sono molti che non danno quella brutta sensazione delle labbra che tirano e non evidenziano le pellicine.
– Velvet
Eccoli, sono loro. Il loro finish sulle labbra non è lucido o cremoso, ma neanche super asciutto e iper-matte, insomma fastidioso! Rimane senza riflessi e piuttosto opaco, ma non secca le labbra ed è senza dubbio più confortevole. Diciamo che non esiste una categoria specifica a meno che non sia indicato espressamente sul nome del prodotto, ma non è neanche così difficile trovarli!

– Sheer
Sono rossetti meno impegnativi e sicuramente più facili da stendere, anche se lo facciamo al volo. Il loro finish sulle labbra è appunti trasparente, con un velo di colore più o meno intenso a seconda delle tonalità
Perlato e Frost

Il finish di questi rossetti può essere più o meno brillante, perché hanno spesso al loro interno glitter o riflessi metallici, ancora più accentuati in quelli frost, perché ricordano la brina e l’effeto ghiaccio. A me non piacciono e li trovo davvero difficili da portare perché danno un aspetto ‘vecchio’ alle labbra, ancora di più se abbiamo pellicine e screpolature.


ROSSETTO LIQUIDO
Risultati immagini per rossetti liquidi marcheI rossetti liquidi non si trovano sotto forma di stick, ma somigliano a dei gloss e hanno un applicatore in spugnetta. La loro formula è simile a un rossetto sciolto, più o meno densa, e naturalmente anche in questo caso i finish e gli effetti sulle labbra sono diversi a seconda dei vari prodotti. Ed ecco più nello specifico come possono essere!
Cremoso
La loro consistenza è liquida ma non troppo e il loro finish è lucido ma con il passare delle ore possono perdere un po’ della loro lucidità e somigliare quindi ai classici rossetti in stick. Quasi sempre hanno una lunga tenuta e una buona coprenza, perché ne basta davvero poco per coprire tuttte le labbra. Tra i vari rossetti liquidi sono quelli che seccano meno le labbra.
Opaco/matte
I rossetti liquidi opachi sono quei prodotti che una volta stesi sulle labbra, anche se in un primo momento risultano lucidi, si asciugano molto bene e lasciano un effetto completamente matte. Ahimé, molti di questi prodotti diventano davvero insoportabili perché tendono a tirare molto sulle labbra, rendendo necessaria un’idratazione successiva e spesso danno un brutto effetto, come se si staccassero a pezzetti.

Velvet
Come per quelli in stick, anche quelli liquidi sono una specie di compromesso tra le texture e il finish del cremoso e dell’opaco e risultano senza dubbio più confortevoli sulle labbra. Questi rossetti liquidi sono si possono usare anche senza matita e ormai ne esistono di tutti i colori! Alcuni di questi, come per quelli opachi, ahimé, sono di brand introvabili in Italia e sono sempre i più amati nei social!
Tinte
I rossetti liquidi che vi ho elencato finora, se durano a lungo e lasciano sulle labbra una bella pigmentazione, anche se parlate o mangiate, possono definirsi tinte! Come vi dicevo poco fa, se sono troppo opachi e secchi non li amo, ma ormai sapete che ce ne sono moltissimi che risultano confortevoli e si possono portare senza problemi per diverso tempo!

Tinta si può definire anche un tipo di rossetto liquido che ha un finish opaco e che si fissa sulle labbra senza spostarsi di una virgola per diverse ore, ma che viene coperto con un velo di lucido che ne preserva durata e colore.
Sono indicati per le occasioni speciali e se cercate qualcosa di davvero indelebile!

GLOSS E TINTE IN OLIO
 Come dice il nome, il gloss ha per sua natura un finish luminoso, perché crea sulle labbra una specie di film lucido che dona più brillantezza e (otticamente) anche volume alle labbra.
Risultati immagini per glossSe lasciamo per un attimo i gloss che tutte noi abbiamo usato fino a qualche anno fa, quelli dalla texture ultra liquida e dall‘effetto bagnato e lucidissimo, per di più trasparenti o con poco colore, ci accorgiamo che oggi anche questi prodotti si sono evoluti e si stanno trasformando sempre più in rossetti veri e propri, perché sono sempre più pigmentati, a lunga tenuta e molto densi.
Ma non solo! Molti di questi gloss si sono arricchiti sempre più di proprietà idratanti e benefiche per le labbra, perché lasciano una sensazione di leggerezza e comfort sulla bocca, sostituendo con un unico gesto il burrocacao e il rossetto, perché colorano abbastanza.
Le tinte in olio sono invece una novità piuttosto recente. Somigliano a un vero e proprio gloss perché hanno anche lo stesso applicatore, ma sono a metà tra un lucido e una tinta: sulle labbra risultano davvero brillanti e più passate si fanno, più si nota la loro pigmentazione, che rimane sempre leggera.
Con il passare delle ore, l’effetto lucido scompare (come accade spesso per i gloss) ma rimane sulle labbra questo velo di colore che ha anche una buona durata






Commenti

Post popolari in questo blog

Come è cambiato il make-up nel corso degli anni?

history of MAKEUP

Forme dell'occhio